Home

Chi sono

 

Essere vivo richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di respirare.
Soltanto l’ardente pazienza porterà al raggiungimento di una splendida felicità.
(Pablo Neruda)

Dopo gli studi all’Accademia di Brera e tanti anni passati nelle agenzie di pubblicità e di marketing, prima come dipendente, poi come titolare, ho scelto quello che è il mio lavoro di oggi: la creazione e la valorizzazione dell’immagine delle aziende vinicole.
È un lavoro complesso e faticoso: bisogna entrare nei particolari, conoscere la storia dell’azienda e delle persone, capirne i desideri e il prodotto. Alla fine occorre trovare una soluzione il più vicino possibile alla personalità del committente, capace di comunicare all’esterno quelle che sono le caratteristiche intrinseche del prodotto e del territorio. Ma soprattutto bisogna creare una bella immagine, che aiuti a vendere.

Zofia Szafranska

Servizi

Creare un’immagine vincente per il vino è un’operazione complessa, se pensiamo che il prodotto debba distinguersi nelle vaste dispense di un supermercato o di un’enoteca. Bisogna saper scegliere sapientemente tra classicità e innovazione, esprimere in uno spazio ridotto e pieno di vincoli, un concetto vincente che si faccia ricordare rispecchiando al tempo stesso il prodotto e la tradizione aziendale.

Grazie ad una lunga esperienza nel settore pubblicitario, garantisco un’accurata consulenza progettuale che lascia spazio alla sperimentazione di nuove espressioni artistiche. Successivamente seleziono i migliori fornitori per produrre manufatti in modo impeccabile. Affiancando il cliente giorno dopo giorno, con dedizione e competenza divento un fornitore, un partner, un amico e spesso tutte queste figure insieme, superando le difficoltà che un lavoro complesso riserva a tutte le imprese.

PACKAGING: L’ABITO CHE FA IL MONACO

Tutti i produttori del vino hanno capito ormai l’importanza del packaging nella vendita di bottiglie da regalo. Chi dona una bottiglia sceglie attentamente qualità della confezione, qualità del prodotto, prezzo. Spesso preferisce donare una sola bottiglia purché originale e ben confezionata piuttosto che tante bottiglie di qualità mediocre. Distinguersi è quindi obbligatorio per poter essere selezionati tra migliaia di referenze soprattutto quando si tratta di un oggetto da regalo.

Nel dubbio tanti produttori preferiscono usare una cassetta in legno per bottiglie di vino singole o un set di bottiglie. Questa scelta è facilmente spiegabile. Il legno da solo trasmette una serie di sensazioni positive (profumo di cantina con le botti, la tradizione, la natura) e permette di posizionare il prodotto in una fascia di prezzo più alta. Se però desiderate distinguersi davvero scegliete una casetta di legno originale e ben fatta oppure rischiate di sparire tra tante confezioni uguali, tutte con logo impresso a fuoco davanti.

Allora qual è la confezione ideale?

È quella che sa trasmettere la storia unica dell’azienda e riesce a farlo in modo originale e convincente.

Creare una confezione da regalo, bella e capace di incuriosire, è una operazione facile per un grafico esperto ma lo scopo del packaging è quello di portare il consumatore a preferire il prodotto facendo in modo che lo acquisti con regolarità.

Per giungere a questo risultato la semplice operazione di creatività non basta.

Il consumatore deve essere convinto di aver scelto un prodotto unico, non banale: un prodotto che si distingue tra tanti simili. Lavoro a fianco del cliente per trovare insieme l’unicità del progetto.

Prendiamo come esempio un elemento quasi sempre trascurato: la scatola da imballaggio. Spesso sento questa osservazione: serve solo per il trasporto, tanto la buttano via! Potrei citare centinaia di esempi per demolire questa convinzione, ma vi chiedo solamente: buttereste via una bella scatola che conteneva un oggetto a cui tenete tanto? Certamente no, magari la mettete in cantina oppure semplicemente la riutilizzerete per riporvi dentro altri oggetti.

Una scatola brutta, chiusa da un triste nastro adesivo sotto e sopra, con stampato solo il vostro logo comunica proprio quello che è: un involucro anonimo al quale non si è dedicata alcuna attenzione. Qual è la vostra reazione davanti ad una scatola stropicciata, molle e stampata male? Non vi viene il dubbio di aver acquistato qualcosa di falso, riciclato o di incerta provenienza?

Riporre le bottiglie ben confezionate in una scatola automontante che si confeziona in una manciata di secondi, senza far ricorso a colla o a nastri adesivi stampata bene e con una grafica accattivante, tridimensionale e personalizzata fa subito differenza.

Stampata bene e visibile nel magazzino sarà la preferita del rivenditore. Se bella, può essere venduta come confezione da regalo e l’acquirente la riciclerà per metterci dentro maglie di cashmere, scarpe preferite o giocattoli dei bambini. Quelle migliori resteranno in vita per anni a ricordarci il buon acquisto fatto.

Confezionate sempre il vostro prodotto in un modo perfetto, ricordando che oggi anche prodotti economici devono essere impeccabili.

UNA BELLA ETICHETTA FA IL VINO PIÙ BUONO

Ancora oggi, un gran numero di cantine, anche se consapevole dell’importanza dell’etichetta, continua a considerare l’investimento in un buon progetto e nella stampa di qualità un costo non necessario per vendere i propri prodotti. Queste stesse aziende spesso pensano che la qualità del vino sia l’unico fattore di successo nel mercato, e l’etichetta sia solo un fattore secondario.

Secondo diversi studi comportamentali la gente acquista il vino basandosi principalmente sull’etichetta. Un comune consumatore, dovendo scegliere tra due bottiglie di ugual prezzo, sceglierà quella più bella e curata, oppure originale. Nondimeno sono importanti alcune chiare e concise spiegazioni sul tipo di prodotto contenuto e sui piatti ai quali si può accompagnare.

Progetto e realizzo qualsiasi tipo di etichetta adesiva o ad acqua e colla, utilizzando tutti i supporti di carta, pvc o altri reperibili sul mercato. Lavorazioni particolari quali: lamine a caldo, oro colato, glitter, braille, stampe a secco, vernici uv, permettono alle mie etichette di emergere per originalità e impatto visivo. Nella fase di progettazione tengo in considerazione che ogni vino ha una propria identità e soprattutto un valore intrinseco che deve essere svelato. Compito dell’etichetta è quello di rendere visibile al consumatore proprio quel valore nascosto attraverso un linguaggio grafico coerente.

Assieme al cliente ricerco la forma, la grandezza e il materiale idoneo: le etichette possono essere rotonde, ovali, quadrate, rettangolari, in uno-due-tre pezzi, avvolte o non a tutta bottiglia, con fustelle particolari, con materiali trasparenti o coprenti oppure con tecniche di stampa particolari. Raccolgo tutte le informazioni utili: per esempio i dati aziendali, la zona di produzione, i vitigni utilizzati, la tipologia di vino, la gradazione ecc. Alla fine faccio stampare l’etichetta su materiale con trama e consistenza adeguata alla scelta stilistica, tenendo in considerazione resistenza all’acqua e al ghiaccio nel caso di vini tenuti in frigorifero o nel secchiello. L’esperienza ventennale mi permette di trovare un giusto equilibrio nelle infinite combinazioni di stili, forme e materiali per ottenere i migliori risultati.

Advertising

Agenda, Agnoplast, Andrea Fiorini Onlus, Anna Lari, Artis, Atelier Pollastri, Aquastar, Banca Valsabbina, Bentzon Carpets, Brescia Factory Outlet, Best, Camfart, Cavagna, Chiccheria, Clarium, Comune di Brescia, Corriere Franco, Cortepack, Cortetoys, Elektrovent, El Khabia, Equidesign, Esthewell, Eurocarpet, Faris rubinetteria, FBS, Fineco viaggi, Frassani, Freeway, Giannini, Gmd Termac, GP&me, Hansa italiana, Henriette, Il salotto e la cucina, ISA idrosanitaria, Istituto Franciscanum Luzzago, Ivalda, KMO, LABA, Linea Calì, Lucaffè, Mepra, Meriba, Milano Costruzioni 56, Naba Carni, Oppure, Oldtimer Heritage, Ordine Dottori Commercialisti, Oros, Nacanco, Philip Morris, Palazzani, Piardi, Porto Antigo lda – Capo Verde, Rizoma, Sef, Savil, Scaroni, Scaroni Fratelli, Semiramis viaggi, Sarma, Sensei, Sertelettronica, Simonetta, Sovapo-Rakya, Tenute, Torchiani, Università degli Studi di Brescia, Venturelli, Win Lin, Transfilm, Zamuner

Contatti